Pubblicati da admin-CARTPRO

MERCATO AUTO AGOSTO 2021: -27,3% SUL 2020

Il mese di agosto segna un nuovo crollo per l’auto, che chiude con appena 64.689 immatricolazioni di veicoli nuovi. Nonostante un giorno lavorativo in più, il calo è del 27,3% rispetto ad agosto 2020, interessato come oggi dagli incentivi statali che allora avevano contribuito a portare le vendite a 88.973 unità, in linea con lo stesso mese 2019.

MERCATO AUTO LUGLIO 2021: -28,1% SUL 2019

Crollo del mercato dell’auto a luglio. Con 110.282 immatricolazioni si registra il livello più basso dell’anno, in calo per la prima volta non solo nei confronti dello stesso mese del 2019 ma anche di luglio 2020, l’anno della pandemia. La diminuzione rispetto alle 136.768 immatricolazioni di luglio 2020, che ancora non beneficiava nemmeno degli incentivi della Legge Rilancio, è del 19,4%, mentre verso le 153.331 unità di luglio 2019 il calo è del 28,1%…

MERCATO AUTO GIUGNO 2021: -13,3% SUL 2019

A giugno, con 149.438 immatricolazioni si registra un calo del 13,3% rispetto a giugno 2019 (172.300 unità), nonostante un giorno lavorativo in più, e un insufficiente recupero rispetto a giugno 2020 (+12,6%). Nel primo semestre 2021 la perdita rispetto allo stesso periodo 2019 è di circa 200.000 unità (con 884.750 immatricolazioni complessive), che per di più si aggiunge alle oltre 500.000 autovetture perse nel 2020…

MERCATO AUTO MAGGIO: -27,9%

Complice anche un giorno lavorativo in meno e la progressiva minore spinta degli acquisti con incentivo della fascia 61-135 g/Km di CO2, il mercato dell’auto a maggio perde oltre 55.000 vetture, segnando il calo peggiore da inizio anno (-27,9% rispetto al 2019) con 142.730 unità. I primi 5 mesi archiviano una perdita del 19,3% a 735.125 vetture immatricolate…

MERCATO AUTO: DICEMBRE CHIUDE CON UN -15%

Peggiora ulteriormente nel mese di dicembre il crollo del mercato dell’auto (-15% con poco meno di 120.000 immatricolazioni) che porta il totale 2020 in calo drammatico del 28% a 1.381.496 vetture complessive. Nel mese rimane in linea la domanda dei privati e la flessione è tutta da imputare alla domanda business..